Un nuovo quartiere, da oltre 750 abitanti, che rigenererà tessuto urbano e sociale

 

MONETA MILANO, LA NUOVA CERNIERA URBANA E SOCIALE TRA AFFORI E BOVISA

Via E.T. Moneta. Le due iniziali puntate stanno per Ernesto Teodoro. Siamo tra Affori e Bovisa, periferia nord di Milano. Qui un tempo era tutto un brulicare di fabbriche e operai, oggi è rimasto solo qualche capannone a ricordare ai passanti la città che fu. E proprio qui, in fondo alla strada, sorge il nuovo complesso residenziale di housing sociale “Moneta” che del giornalista, nonché unico italiano ad aver vinto il premio Nobel per la Pace, porta il nome.

MONETA: UN NUOVO MODO DI ABITARE LA CASA

I palazzi, freschi di costruzione, occupano lo spazio di un’ex area industriale affacciata sul grande parco di Villa Litta che ospita anche la storica biblioteca comunale. Le principali innovazioni del progetto sono il co-living e la co-residenza, due nuovi modi di abitare la casa basati sulla condivisione di spazi e servizi che si integrano con l’offerta di 300 nuovi alloggi a prezzi calmierati. Sia gli appartamenti che tutte le dotazioni presenti all’interno del progetto, come spazi comuni e aree verdi attrezzate, sono state pensate per creare occasioni d’incontro e accrescere le relazioni. Ulteriore innovazione è la presenza del gestore sociale, un riferimento costante per gli abitanti sia per le questioni più legate alla manutenzione e permanenza nell’alloggio che agli aspetti di socialità.

«LE PERSONE IMPARANO A PENSARSI COME UNA COMUNITÀ DI ABITANTI»

«Una delle funzioni dell’housing sociale è quella di costruire pezzi di città». Questa la visione di Fondazione Housing Sociale, advisor tecnico sociale del Fondo Immobiliare di Lombardia, gestito da REDO SGR, promotore di questo e numerosi altri interventi di housing sociale sul territorio regionale. «La permeabilità viene costruita insieme alle persone che sono accompagnate nell’attivazione di iniziative e servizi per gli abitanti stessi in connessione con il quartiere».

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

Fonte: Lascuoladeiquartieri.it